Etichettatura relativa al glutine

  1. Dr. Schär Institute
  2. Etichettatura relativa al glutine
Frau braun liest Etikette auf Produkt

Gli alimenti che non contengono glutine possono essere contrassegnati dal simbolo della spiga barrata. I prodotti “naturalmente senza glutine” come il riso o il mais non possono fregiarsi di questo simbolo.

Esistono molte qualità di cereali e prodotti che per natura non contengono glutine e che possono essere consumati senza problemi dai celiaci: riso, mais, grano saraceno, miglio, amaranto, quinoa, tapioca, patate, legumi, ma anche latte e molti latticini, carne, pesce, uova, oli vegetali, frutta e verdura. Questi prodotti permettono di cucinare molte pietanze senza glutine.
In commercio si trova un vasto assortimento di prodotti senza glutine specifici per i celiaci: farina, pane, pasta, biscotti, cereali e molto altro ancora. Questi prodotti speciali si distinguono grazie alle diciture “senza glutine” o “gluten-free” riportate sulla confezione. Perlopiù vengono realizzati mescolando le qualità di cereali senza glutine soprindicate. Queste diciture sono la garanzia che la quantità di glutine contenuta non superi un determinato valore limite e che pertanto il prodotto possa essere consumato senza alcun rischio dai soggetti celiaci.

 

  • Regolamento (UE) n. 609/2013

    Download: Regolamento (UE) n. 609/2013

  • Regolamento (UE) n. 828/2014

    Download: Regolamento (UE) n. 828/2014


Il simbolo della spiga barrata

Gli alimenti destinati alla vendita che garantiscono un contenuto in glutine inferiore a 20 mg/kg (= 20 ppm), possono essere contrassegnati dalla dicitura “senza glutine” o “gluten-free”. Inoltre i produttori hanno la facoltà di apporre sulla confezione il simbolo della spiga barrata conferito dalle associazioni per la celiachia. Il logo della Spiga Barrata rappresenta un sistema di certificazione dei prodotti  senza glutine a livello europeo. Si tratta di una informazione volontaria che offre una garanzia aggiuntiva sull’effettiva assenza di glutine da un prodotto, perché le aziende devono rispettare requisiti tecnici specifici e sono sottoposte a controlli periodici da parte delle Associazioni Celiachia.

Può contenere tracce di …

Esistono alimenti che pur non contenendo glutine o alimenti a base di glutine nella lista degli ingredienti non possono essere consumati in tutta sicurezza da un celiaco perché potrebbero essere stati contaminati dal glutine durante il processo di produzione. È il caso di uno stabilimento industriale che produce cioccolato e che lavora anche biscotti al cioccolato e che, pur mettendo in atto le più scrupolose procedure, non può escludere un potenziale rischio di contaminazione. I consumatori possono essere informati di questo pericolo dalla scritta “può contenere tracce di glutine”. La scelta di fornire questa informazione è interamente affidata alla ditta produttrice di un determinato alimento, nel caso in cui non possa essere esclusa una contaminazione. Al consumatore non resta che escludere l’alimento dalla propria dieta.